Il 1 gennaio 2015 è entrata in vigore la nuova legge di stabilità, (Legge 23/12/2014 n.190, pubblicata sul S.O. n. 99 della Gazzetta Ufficiale del 29/12/2014) che tra le altre norme prevede una diversa modalità di gestione delle fatture emesse nei confronti agli Enti Pubblici e degli incassi delle stesse.

Nel dettaglio:

L’art. 1, comma 628 della Legge di Stabilità 2015 ha introdotto, per le operazioni con Iva esigibile dal 1° gennaio 2015, il nuovo art. 17-ter del DPR n. 633/1972 prevedendo un nuovo sistema di assolvimento dell’Iva denominato “split payment” che recita:

Per le cessioni di beni e per le prestazioni di servizi effettuate nei confronti dello Stato, della pubblica amministrazione…omissis… i suddetti cessionari o committenti non sono debitori d’imposta ai sensi delle disposizioni in materia di imposta sul valore aggiunto, l’imposta è in ogni caso versata dai medesimi secondo modalità e termini fissati con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze”. 

Ciò comporta che dal 1° gennaio 2015:

  • le modalità di fatturazione nei confronti di tali enti pubblici, non cambieranno, per meglio dire varranno le regole generali di emissione delle fatture indicando sia la base imponibile che l’Iva utilizzando uno specifico codice IVA; ovviamente verrà meno il concetto in tali casi di Iva ad esigibilità differita;
  • al cedente/prestatore dei beni/servizi verrà corrisposto da parte di tali enti pubblici l’importo del corrispettivo indicato in fattura al netto dell’Iva (quindi, solo l’imponibile), invece, l’Iva  sarà corrisposto all’erario direttamente dal beneficiario della cessione/prestazione;
  • a favore dei fornitori interessati dalla disposizione in esame vi è la possibilità di richiedere il rimborso del credito Iva (all’atto della presentazione della dichiarazione ovvero trimestralmente) per effetto delle modifiche apportate all’art. 30, comma 2, lett. a) (il quale è stato opportunamente integrato sempre da parte della Legge di Stabilità 2015 con il riferimento alle operazioni di cui al nuovo art. 17-ter);

 

Sinapsi Informatica  resta a disposizione per ulteriori dettagli, e per maggiori informazioni e chiarimenti consiglia di rivolgersi al proprio studio di consulenza fiscale.
contattaci ora