Il progetto Una Academy raccontato da Elena David, ad di Una Hotels&Resorts

soluzioni per hotel

soluzioni per hotel

Anche l’hotellerie investe sulla formazione come leva strategica per il business e per il coinvolgimento dei lavoratori, puntando ad accrescere motivazione e consapevolezza

“I buoni consigli del vecchio portiere d’albergo oggi sono un tablet in dotazione alla reception con tutte le informazioni più aggiornate su attrazioni, mostre, negozi, ristoranti e mappe stradali.

La rivoluzione tecnologica, che ha investito l’hotellerie nel booking nel revenue management, una borsa dei prezzi delle camere, ora arriva sul banco del concierge e continua sui social.

Perché la reputazione è una cosa seria da monitorare con tutti gli strumenti disponibili e spinge il servizio nella direzione delle nuove abitudini di consumo: vivere esperienze (..).

Proprio dall’urgenze di usare con cura il potere moltiplicativo della rete, con la consapevolezza del nuovo contesto di comunicazione e delle sfide collegate, nasce il progetto Una Academy, un percorso strutturato di formazione per gli oltre 400 dipendenti delle 20 strutture di UnaHotels&Resorts in Italia e per la decina di hotel in franchising e management.

La scelta di potenziare la formazione come leva strategica per il business e come strumento di appartenenza e coinvolgimento dei dipendenti, obiettivo non disgiunto dal primo, avviene in un momento di ripresa del settore (..).

Abbiamo intervistato Elena David , amministratore delegato di Una Hotels&Resorts, sull’andamento del nuovo progetto Una Academy (..).

Il trend è positivo, e anche voi come Una avete chiuso il 2015 con un +14% di fatturato rispetto al 2014, il +3,6% in più di occupazione, il +13,5% di ricavi medi a camera e il +17% di ricavi appartamenti. Quali sono le sfide su cui intendete concentrarvi per mantenere il vantaggio competitivo?

Il nostro paese è amato per la sua proverbiale ospitalità, come ha scritto di recente anche Chris Lehane di Airnb, il servizio online di affittacamere nelle case private. Una delle nostre sfide principali è adeguare il concetto di ospitalità a quello che chiede il mercato sempre più dematerializzato che sceglie online, dopo un attento confronto, l’esperienza più inclusiva. Quella dove, a parità di qualità, pernottamento, offerta della città e territorio diventano tutt’uno. Mi spiego meglio: oggi i commenti social non si limitano al servizio alberghiero, ma anche alla capacità di far proseguire l’esperienza fuori dall’hotel. Se segnaliamo i ristoranti giusti, prendiamo punti anche noi!

Non è sempre stato così nel vostro settore?

Ha ragione, noi abbiamo dovuto fare attenzione a più aspetti dento e fuori dal nostro spazio di competenza, ma oggi sono cambiati marketing e canali di comunicazione e lo sforzo richiesto è maggiore, oltre alla targettizzazione sempre più spinta della clientela (..).

Per questo la nostra Academy parte proprio con 600 ore di formazione per 350 dei nostri dipendenti, concentrate tra aprile e luglio, sui temi del digitale e dei social nell’offerta alberghiera, sulla reputazione online ( in collaborazione con il Mip Politecnico di Milano), nonché sul revenue management, sull’ottimizzazione del gestionale, su tecniche di vendita ma anche sulla “Contemporary Hospitality”. Come accogliere, capire e gestire le esigenze del cliente (..).

L’obiettivo per tutti noi è infatti offrire un’esperienza completa e inclusiva, differente a seconda dei gusti (..). ”

Ga.F.

(“L’Impresa” n.5/2016.)

Per maggiori informazioni contattaci
tel. 0429 782 088
mail. marketing@sinapsinet.it